Curare l’essenziale, tagliare il superfluo

E poi dicono che la blogsfera è popolata di gente che parla solo di Twilight e dei Tokyo Hotel…

Ho fatto un giro a casa di Irene, ed ho trovato una cosà così fantastica, che la riposto qui, e poi anche sul mio blog personale.

La gente come me, che deve stare attenta ai soldi, lo sa che su queste cose non si deve risparmiare. Perché quando invece una persona può spendere, allora può suddividersi tra tante cose, tanti hobby, tanti oggetti, e ricava soddisfazione da tutti. Va in tutti i posti che vuole, può mangiare dove e quello che vuole, magari ha tante case dove stare e può scegliere in quale andare, ha l’attrezzatura per tutti gli sport e i vestiti per ogni occasione, e se una cosa si rovina pazienza, non è così importante, la si ricomprerà, in fondo è solo un oggetto, non bisogna essere materialisti. Ma se tu devi stare molto attento con i soldi, allora non hai quasi niente, tranne una o due cose che hai deciso che, no, quelle era cose tue e vanno fatte bene. E quindi queste cose te le coltivi, e diventano molto importanti, le guardi e le fai con amore, attenzione, un po’ ti ci commuovi dietro, e possono essere una passione o anche niente, solo cose importanti. Allora su quelle cose non si può risparmiare, perché anche se lo sai che non potrai mai avere la cosa migliore, o quella che davvero davvero vorresti, comunque dev’essere qualcosa di bello, altrimenti anche quando fai la cosa che per te è importante se la fai con degli oggetti brutti, lisi e scricchiolanti, ti ricorderai ogni volta la fatica che fai nella vita e che tante altre persone invece non fanno e potresti intristirti al punto da perdere l’amore anche per la tua cosa importante, e allora, se perdi anche quello, potresti non avere più voglia di niente e non riuscirebbero più a convincerti.

Bang!
Si tratta della cosa migliore che io abbia letto nelle ultime settimane.
Perché è vera.
Perché è sincera.
E perchè è importante.
E maledettamente pericolosa.

Mi piacciono le donne che fanno discorsi pericolosi.

Ora, darci un taglio non significa lasciarsi andare.
È una faccenda di priorità.

Ciò che mi ha colpito, in effetti, è che in questi giorni sto leggendo un bel libro di viaggi.
Per viaggiatori.
Un manuale, in effetti.
Un libro la cui semplice filosofia è che se vogliamo viaggiare, allora dobbiamo concentrarci sul viaggiare.
Tagliare le distrazioni, tagliare le spese superflue.
Pur non propagandando l’idea di andarsene in Alaska con le scarpe da tennis, il volumetto porta avanti un’altra idea pericolosa – quella secondo la quale si può lavorare due anni per mettere insieme il danaro necessario a viaggiare liberamente per il mondo per i diciotto mesi successivi.
Si può fare.
È lecito farlo, se quella è la nostra aspirazione.
I discorsi sulla carriera, sul posto fisso, sulla routine ufficio-palestra-disco lasciamoli a chi ha come aspirazione la carriera, o il posto fisso, o la routine ufficio-palestra-disco.
Se ci concentriamo su ciò che ci piace davvero, non è difficile raggiungerlo.
Ciò che è difficile è far capire agli altri cosa stiamo facendo.

Il discorso di Irene è affine, ed è altrettanto pericoloso.
Perché ci dice che avere poco è come avere molto, solo in maniera differente, e può essere una ricchezza, ed una fonte di esperienza.
E tutto questo è grande.

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: Going essential « Seme di salute

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog Stats

  • 39,645 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: